Edizioni Nuove Catarsi

 

Associazione Culturale Cittadina Universitaria Aenigma

Via Giancarlo De Carlo 5

61029 Urbino PU / Italia

CF 91006880412  / P. IVA 01260260417 

® 2017 Edizioni Nuove Catarsi

Termini & Condizioni

Condizioni generali di vendita >

Edizioni Nuove Catarsi è un marchio appartenente all'Associazione Culturale Cittadina Universitaria Aenigma. 

Aenigma è un'associazione culturale senza scopo di lucro che svolge attività di utilità sociale nel campo del disagio, della disabilità e delle carceri. L'attività editoriale contribuisce al raggiungimento degli obiettivi istituzionali. 

Edizioni Nuove Catarsi is a trade mark owned by Associazione Culturale Cittadina Universitaria Aenigma. Aenigma is a non-profit cultural association focused on social activities, on conviction problems, on disability and on social unease. Its editorial activity contributes to achieve institutional objectives. 

Dona il tuo 5 x 1000
Firma nell’apposito riquadro della tua dichiarazione dei redditi (ai sensi della Legge 190/2014) e scrivi il numero di Codice Fiscale 91006880412.
Come impiegheremo il tuo contributo?
Grazie per il tuo prezioso sostegno!
Recito dunque so(gn)o / saggio / ENC 2009 / Pag. 352 

di Emilio Pozzi e Vito Minoia
Fotografie di Maurizio Buscarino

Recito dunque so(g)no

SKU: ISBN9788890537318
€25,00Prezzo
  • TITOLO:     Recito, dunque so(g)no. Teatro e carcere 2009

    AUTORI: AA.VV. 

    CURATORI: Emilio Pozzi e Vito Minoia, con una sezione fotografica di Maurizio Buscarino

    DESCRIZIONE: 

    Fare il punto, o almeno avviare un  bilancio provvisorio,  a conclusione del primo decennio di un nuovo secolo, sul rapporto  fra teatro e carcere. Questo il proposito degli autori, Emilio Pozzi e Vito Minoia, mettendo al centro della ricognizione, le informazioni e i pareri –raccolti attraverso un  articolato questionario- a una trentina di operatori qualificati o di recente esperienza, che svolgono  in tante Regioni italiane il loro lavoro teso a collaborare anche alla rieducazione e al reinserimento. Se questo è il fulcro del volume, le sezioni nelle quali si articola costituiscono, quasi in un gioco di dentro e fuori, con rimandi e approfondimenti a momenti concreti di storia e a personaggi (Genet, Beckett, Eduardo, Pinter), che costituiscono su altri, punti di riferimento della letteratura teatrale nel e sul carcere.

    Il  volume  si snoda in  sezioni, un itinerario con  diverse valenze: dall’immaginario letterario all’analisi del perché e del come si scrive in cella- tema analizzato approfonditamente da Duccio Demetrio, con integrazioni sulla scrittura teatrale, e con riflessioni di David Aguzzi, Gianni Tibaldi, Vico Faggi, e Luigi Manconi. E a seguire gli aspetti psicologici , istituzionali e di attuazione visti da docenti, magistrati, dirigenti dell’amministrazione penitenziaria e dei settori sociali di una Regione esemplare (la Toscana).

    Una sezione  molto variegata comprende testimonianze, quasi tutte  scritte appositamente,  di personalità del Teatro (attori e registi tra i quali Judith Malina, Lella Costa, Giulia Lazzarini, Umberto Ceriani, Leo Gullotta, Fausto Russo Alesi, Moni Ovadia, Gianfranco de Bosio) sulle ‘emozioni’ collegate ai propri provvisori ‘ingressi in carcere’  e di detenuti e detenute che rivelano l’essenza  del loro incontro con i valori del teatro.

    Un ‘altra sezione  propone tre esperienze internazionali: in USA, in Brasile e in Europa. Variazioni nelle diversità.

    Il volume è dedicato a Claudio Meldolesi.

     

    NOTE SUI CURATORI:

    Emilio Pozzi. Milano (1927-2010). Ha insegnato Storia del teatro e dello spettacolo alla Facoltà di sociologia dell’Università di Urbino. Tra i volumi pubblicati Sociologia dello spettacolo teatrale (con Bernardo Valli) e biografie di Paolo Grassi e Eduardo De Filippo. Ha lavorato in Rai (a Milano, Roma e Torino) per la radio e la Tv, fino al 1992. E’ stato direttore responsabile della rivista “Teatri delle diversità”.

    Vito Minoia. Nasce a Lecce nel 1964. Insegna Teatro di animazione alla Facoltà di scienze della formazione dell’Università di Urbino. Si interessa allo studio dei rapporti tra teatro ed educazione e sviluppa ricerche teatrali nella scuola e nei territori del carcere, dell’handicap, del disagio psichico. Autore e regista, ha fondato nel 1990 il Teatro Aenigma. Tra i volumi pubblicati Se all’università si sperimenta il teatro, Di alcuni teatri delle diversità (con Emilio Pozzi).Dirige la rivista “Teatri delle diversità”.

    Maurizio Buscarino. Nasce a Bergamo.Ha percorso come fotografo il “territorio”del teatro, da quello europeo a quello americano e orientale.La sua opera documenta gli ultimi decenni del 900 e, insieme, è una tenace rappresentazione della sua visione del mondo. Nel suo Popolo del teatro ogni “figura” è protagonista, collocata in un paesaggio umano costellato dai grandi dell’ultimo Novecento, insieme alle figure degli sconosciuti, degli artisti di strada o di palcoscenico, dei carcerati-attori, tutti segnati da una “comune appartenenza”, la coscienza del rischio quotidiano dell’entrata in scena, per annunciare la propria scomparsa. Curatore di mostre anche all’estero e di numerosi libri.